Machine Learning

roberto caracciIl senso dell’esistere: ci poniamo ancora oggi questa domanda, o la troviamo obsoleta? Eppure la domanda di senso può bussare alla porta in ogni momento della nostra vita, più o meno inconsciamente, quanto più crediamo di averla rimossa, omologati al moderno nichilismo del non senso o del senso pluralizzato. Ma sono l’assillante percezione del tempo, il baluginare del pensiero della morte, e la stessa stupefacente assurdità del rinascere ogni attimo, a svegliarci dal letargo del senso, un oblio teleologico che sembra più tenace dell’oblio ontologico di cui parlava Heidegger. E la memoria del senso estremo, o della sua domanda, viene neutralizzata ed esorcizzata dal carnevale delle maschere degli scopi “qualunque”, degli obiettivi a breve termine e a ogni costo, che ammortizzano l’angoscia, ma anestetizzano anche il pensiero, ne incatenano il libero e rischioso volo. Un libro radicale e demistificante che, memore delle Operette morali di Leopardi e della Genealogia della morale di Nietzsche, prova a stanare le mille finzioni e rimozioni che l’uomo moderno mette in campo per “non pensare” al senso ultimo, e vivere un’esistenza narcotizzata e distratta, nel segno del divertissement, di pascaliana memoria, e della polverizzazione del senso e del suo insondabile mistero in “ragioni per vivere”, o sopravvivere. Il senso dell’esistere: ci poniamo ancora oggi questa domanda, o la troviamo obsoleta? Eppure la domanda di senso può bussare alla porta in ogni momento della nostra vita, più o meno inconsciamente, quanto più crediamo di averla rimossa, omologati al moderno nichilismo del nonsenso o del senso pluralizzato. Ma sono l’assillante percezione del tempo, il baluginare del pensiero della morte, e la stessa stupefacente assurdità del rinascere ogni attimo, a svegliarci dal letargo del senso, un oblio teleologico che sembra più tenace dell’oblio ontologico di cui parlava Heidegger. E la memoria del senso estremo, o della sua domanda, viene neutralizzata ed esorcizzata dal carnevale delle maschere degli scopi “qualunque”, degli obiettivi a breve termine e a ogni costo, che ammortizzano l’angoscia, ma anestetizzano anche il pensiero, ne incatenano il libero e rischioso volo. Un libro radicale e demistificante che, memore delle Operette morali di Leopardi e della Genealogia della morale di Nietzsche, prova a stanare le mille finzioni e rimozioni che l’uomo moderno mette in campo per “non pensare” al senso ultimo, e vivere un’esistenza narcotizzata e distratta, nel segno del divertissement, di pascaliana memoria, e della polverizzazione del senso e del suo insondabile mistero in “ragioni per vivere”, o sopravvivere.

La vita è fatta di ponti visibili e invisibili. Dalle ponte1grandi opere di ingegneria ai cavi a fibra ottica alle sinapsi del nostro sistema nervoso.

cavo a fibra ottica

 

sinapsi

 

 

 

Un ponte tra Europa e America Latina 

Kevin Slavin – Come gli algoritmi modellano il nostro mondo.

Dispositivi_neurali_elettronici_fig.2Benoit Mandelbrot ci ha regalato la geometria frattale

Mandelbrot, il genio dei frattali

Frattali documentario

Frattali in natura: alla ricerca di questi strani oggetti

cervello e la serata

Chiamerei questo viaggio nei ponti dal macro al micro: Il lungo cammino verso l’amore. Il movimento d’amore di un individuo verso un altro è della stessa natura dell’infinito movimento dell’energia cosmica che lotta per esprimersi nelle nostre vite disperate, in mezzo a guerre fratricide.goccia d'acqua 3

IL Robot fatto di alghe che nuota nel corpo umano

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.