Autoregolazione dell’intero sistema

La fisica quantistica, fisica delle possibilità – The Quantum Activist – Clip 2

02 Prof Luigi Maxmilian Caligiuri

Che cos’è il vuoto? Di che cosa è fatto? Perché ci fa paura? Non è facile per l’uomo, soprattutto quello occidentale, pensare e accettare il nulla. Eppure interrogarsi sulla sua natura pare inevitabile. Lo hanno fatto, e continuano a farlo, filosofi e matematici, scienziati e teologi, poeti e premi Nobel, cercando di tessere intorno all’horror vacui una storia plausibile. In queste pagine l’astrofisico Trinh Xuan Thuan ci conduce in una lunga cavalcata dalle origini ai giorni nostri attraverso la Bibbia e l’I Ching, Aristotele e al-Khwarizmi, la rivoluzione di Newton e le teorie di Einstein, la nascita della meccanica quantistica e la scoperta del Big Bang. La conclusione cui giunge è sorprendente: la fisica e la cosmologia contemporanee propongono una visione del mondo molto simile a quella delle maggiori tradizioni spirituali orientali che, invece di temere il vuoto, lo vivono come possibilità di mutamento, e dunque di vita. È nel dialogo armonico tra gli opposti – Yin e Yang, energia e materia, attrazione e repulsione – che si nasconde il mistero, insieme vuoto e pieno, dell’universo. Un mistero che ha a che fare con la scienza, ma anche con l’etica e con la politica. Perché se è vero che, come le particelle e gli atomi, siamo interconnessi nella grande rete del cosmo, la nostra felicità dipende da quella degli altri.

A Geometry of Consciousness — The Pribram Bohm Hypothesis

Kitaro Relaxing Music 432 Hz

La Fisica Quantistica spiegata semplicemente – Emilio del Giudice

La cellula: uno strumento musicale che vibra

Fisica Quantistica – Il concetto di Risonanza – Emilio del Giudice

Prof. Luigi Maxmilian Caligiuri e Dr.ssa Carmen Di Muro

Serena Pattaro – Le parole creano la nostra realtà

La crisi della musica d’arte nel dopoguerra non è tanto “crisi del linguaggio musicale” quanto “crisi della musica come linguaggio”. Sulla scorta di questa fondamentale presa di coscienza, a partire dai tardi anni ’70 Branchi sviluppa una concezione organica della scrittura musicale che superail tradizionale impianto lineare e narrativo. In questo sistema lo spettatore è a un capo del canale di comunicazione unidirezionale, per approdare a un’idea di ascolto multifocale e non direzionale, integrato all’ambiente e non gerarchico. Dapprima circoscritto a temi di carattere strettamentetecnico, il discorso di Branchi si estende così fino ad assumere quel respiro filosofico che, una volta definiti i termini della crisi, consente all’artista di “saltare fuori dal cerchio” della ripetizione acritica e coatta di schemi e consuetudini del passato, di ricondurre la pratica musicale a una piena assunzione di responsabilità nei confronti dell’ecosistema o — nei termini propri del lessico di Branchi — dell’Intero.

Melodie Cellulari: nuove prospettive di medicina rigenerativa | Carlo Ventura | TEDxTorino

Dias de Amar 30 Años (Video Oficial)

Universo Olo-Frattale – La Rete della Vita – Nassim Haramein

Nassim Haramein – Le nostre Emozioni e lo SpazioTempo subITA

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.